Alba dalla Tofana di Mezzo

"Galoppa, fuggi, galoppa, superstite fantasia. Avido di sterminarti, il mondo civile ti incalza alle calcagna, mai più ti darà pace". D.Buzzati

Cerca nel blog

martedì 28 gennaio 2014

La ricetta della Notte Perfetta - ANTEPRIMA n.7 "La ricetta della Notte Perfetta"

- 1 GIORNI ALL'USCITA DEL LIBRO !


Copertina - Uscita: 29 gennaio 2014


ANTEPRIMA n. 7

dal racconto "La ricetta della Notte Perfetta", pag. 11


Nei pressi di Borca di Cadore un angelo aggrappato alla cima di un campanile guarda indisturbato il monte Pelmo e questa è cosa nota. Non tutti sanno però che quando cala la notte sull’acqua turchina, in una certa sera d’estate, l’angelo scuote le ali e, come se niente fosse, scende dal campanile.

A dire il vero, non accade spesso: potrebbero passare millenni prima che qualcuno possa vedere una cosa simile. Serve infatti una Notte Perfetta e preparata con minuziosa cura. 
Oltre all’acqua turchina e la sera d’estate, prendete nota, ci vogliono: 
un bel pizzico di luna (possibilmente d’oro bianco e non del tutto piena), 
qualche grammo di nuvole (ben ammorbidite), dei fulmini tagliuzzati finemente a zig-zag, 
un milione di gocce di pioggia (da lasciar cadere poco alla volta e lentamente), 
una spruzzata di bosco e una spolverata di stelle. 
Mi raccomando però, quest’ultime tenetele da conto se avete la fortuna d’averle: a volte ne basta solamente una a rendere speciale la Notte Perfetta. 
Dopo di che, basta aggiungere un lago (in alternativa potete mettere uno sguardo, l’importante è che abbia la stessa profondità) e un filo di musica, di quella che cambia a seconda del cuore che l’ascolta. Ed ecco fatto: a questo punto non resta che mescolare il tutto. 

Affinché la Notte Perfetta riesca, non usate mestoli di legno: per impastare l’universo occorre un pennello che lasci un’impronta unica. Niente è dunque meglio del vostro dito. Immergetelo nell’impasto e mescolate, piano e in senso antiorario per diversi minuti (almeno fino a quando non sentite d’essere vicini all’infinito).

Raccomando sempre, in questa fase, di chiudere gli occhi e ... (...)



Continua ...

Racconto illustrato da Dolo-Mitico


Irene Pampanin